recupero-crediti-790x553

I crediti insoluti rappresentano un problema sempre più rilevante per le imprese, a causa degli effetti che producono sul piano economico, patrimoniale, finanziario e fiscale. Le imprese hanno l’esigenza di affrontare tale problema in modo da ottenere il massimo risultato in termini di recupero dei crediti – ottenendo, in caso di insolvenza, il relativo risparmio fiscale – e contenendo al minimo i costi.

In tale prospettiva, lo Studio adotta una metodica di lavoro rigorosa, che ci permette di assistere le imprese nell’attività di recupero del credito con un sistema efficiente, con tempi e costi prestabiliti, in modo da assicurare – ove oggettivamente possibile – un esito veloce e soddisfacente, fornendo altresì supporto nell’analisi delle tematiche giuridiche connesse ai rapporti sottostanti ai crediti che hanno generato le posizioni in sofferenza.

I principali obiettivi dello Studio nell’assistere le imprese per il recupero dei crediti sono infatti:
– consentire alle imprese di recuperare nel più breve tempo possibile le somme insolute;
–  consentire alle imprese la deducibilità fiscale della perdita sui crediti, in caso di irrecuperabilità del credito.

Per raggiungere tali risultati, lo Studio svolge in tempi brevi opportune indagini informative preliminari circa la potenziale solvibilità del debitore, analizzando preventivamente la disponibilità in capo a quest’ultimo di cespiti patrimoniali aggredibili in sede di esecuzione forzata o sequestro conservativo. All’esito di tale analisi, al Cliente viene indicato se vi sono concrete possibilità di recuperare il credito, in tutto o in parte, oppure se è preferibile evitare di iniziare un’azione giudiziaria che potrebbe rivelarsi infruttuosa, risparmiando a quest’ultimo ulteriori ed inutili costi ed anzi consentendo di beneficiare dei vantaggi fiscali.

Nello specifico, il servizio di recupero crediti che lo Studio offre alle imprese consiste nelle seguenti attività:

A) FASE STRAGIUDIZIALE

Esame preliminare del titolo. Lo Studio esamina il credito vantato ed i documenti prodotti dal Cliente, accertando eventuali impedimenti alla soddisfazione del credito (natura, esigibilità, prescrizione, etc.).

Sollecito di pagamento. Lo Studio prende contatto con il debitore mediante l’invio di una lettera di diffida e messa in mora, avvertendolo circa l’eventuale inizio di un’azione legale di recupero nei suoi confronti.

Assistenza al rientro del debito. Qualora sia possibile ed opportuno concordare con il debitore un piano di rientro dell’esposizione, lo Studio predisporrà, d’intesa con il Cliente, un accordo transattivo con il debitore, assistito dalle opportune garanzie.

Valutazione patrimonialità. In caso di mancato spontaneo adempimento del debitore, lo Studio effettua un’analisi circa la solvibilità del debitore, tramite l’accesso agli archivi informatici ed avvalendosi di report di agenzie investigative. Sulla base delle indagini compiute, lo Studio invia al Cliente una esaustiva e personalizzata relazione circa l’opportunità e la convenienza di agire in via giudiziale.

B) FASE GIUDIZIALE

Redazione del ricorso per decreto ingiuntivo o dell’atto di citazione. Scaduto il termine concesso al debitore nel sollecito di pagamento, lo Studio, qualora l’indagine di solvibilità abbia dato esito positivo, e comunque d’intesa con il Cliente, procede al recupero del credito in via giudiziale, avvalendosi generalmente della procedura monitoria. Qualora tale procedura non sia esperibile, verrà instaurato un ordinario giudizio di cognizione.

 

Ricerca telematica beni da pignorare. Se il creditore non conosce la composizione del patrimonio del debitore l’avvocato può assisterlo nella procedura, di recente introduzione da parte del legislatore per contribuire al recupero dei crediti (art. 492 bis c.p.c.), per ottenere l’autorizzazione del Presidente del Tribunale che consente l’accesso telematico alle banche dati dell’Agenzia delle Entrate e degli Enti previdenziali.

Esecuzione coattiva. Ottenuto un titolo esecutivo, lo Studio intraprende con la massima tempestività l’azione esecutiva nei confronti del debitore, sulla base delle risultanze dell’indagine patrimoniale, attraverso la redazione di atti di precetto anche su cambiali o assegni, predisposizione di atti di pignoramento mobiliare, presso terzi ed immobiliari e di atti di intervento ed insinuazioni in procedure esecutive mobiliari ed immobiliari pendenti, iscrizioni di ipoteche, redazione di istanze di fallimento e di atti di insinuazione in procedure concorsuali.

Lo Studio, pur nella scrupolosa applicazione delle tariffe professionali forensi, adotta in tema di recupero crediti una politica tariffaria estremamente elastica, modulando i propri compensi anche in relazione al numero ed all’importanza degli incarichi affidati da ogni singolo Cliente.